marco santino

Ascanio Dinolfi Seri, ex militare, monarchico, proprietario terriero e iscritto all’ordine regionale dei valvassori. A lui le deleghe ai rifiuti, alla difesa e alla toponomastica.

Accanito contestatore della repubblica, Dinolfi Seri ha dichiarato: “I nomi dei vecchi quartieri e delle vie saranno sostituiti con rimandi alla storia della monarchia: tutto pronto per il Granducato di Viale Zecchino, Arenella trasformata in riserva di caccia per i signorotti locali, Ortigia prenderà il nome di Carinzia marittima”.

“La raccolta dei rifiuti sarà appaltata all’ordine dei Cavalieri di Malta, sono previsti sgravi fiscali per i possessori di trabucchi e catapulte, dismissione dei sindacati, ripristino dei titoli nobiliari bizantini, autisti Ast, bidelli e portantini in alta uniforme prussiana, istituzione del gran ciambellano al consiglio comunale, ius primae noctis sulle figlie dei bagnanti per i proprietari di discoteche on the beach e di villette a strapiombo sulle scogliere. Inoltre, ci batteremo per tagliare gli stipendi dei dipendenti pubblici e privati di tutta la provincia e per rinforzare la barriera arborea di Targia con spuntoni di ferro e cocci di bottiglie affinché sia impedito l’accesso ai tifosi del Catania”.

Advertisements