417872_606350916043482_1078941441_n

Anticipiamo in esclusiva un brano tratto dal discorso di fine campagna elettorale di Friedrich Nicita, leader dell’alleanza elettorale tra Nichilisti per Siracusa e Siracusa allo sprofondo. Venerdì 7 giugno il “nichilista compiuto” interromperà un lungo eremitaggio negli anfratti di Pantalica per rivolgersi direttamente agli elettori di quella che nei suoi scritti ha battezzato come “la città di Vacca Pezzata”. Ecco l’incipit del suo appello al voto:

Io vi insegnerò cos’è il Supersiracusano. Il siracusano è qualcosa che deve essere superato. Che cosa avete fatto per superarlo?

Tutti gli esseri fino ad oggi hanno creato qualcosa che andava al di là di loro stessi: e voi invece volete essere surra di tonnina, piuttosto che superare il siracusano?

Che cos’è la ciolla dello scecco per l’uomo? Qualcosa che fa ridere, oppure suscita un doloroso senso di vergogna. La stessa cosa sarà quindi il siracusano per il Supersiracusano: un motivo di riso o di dolorosa vergogna.

Avete percorso il cammino dal pappapane al siracusano, ma in voi c’è ancora molto del pappapane. Una volta eravate pappapani, e ora tra voi è chi è scecco e chi è scicchigno. Ancora adesso il siracusano è più scecco e meno scicchigno di qualsiasi scecco al mondo. Ma anche il meno scecco e il più scicchigno di voi non è che un essere ibrido fra nuddu e nenti. È questo forse ch’io vi comando di essere? Scecchi e pappapani?

Guardate, io invece vi insegno a diventare Supersiracusani!

Il Supersiracusano, ecco il vero senso del Bosco Minniti, della Mazzarrona, della Jureca, di Santabanagia, della via Italia, della Borgata, dello Scoglio. La vostra volontà quindi dica: il Supersiracusano diventi il senso di Siracusa.

Vi scongiuro, o fratelli, siate fedeli alla mancanza del che fare, e non credete a coloro che vi parlano di speranze ultraterrene!

Essi sono degli spregiatori della vita, dei manipolatori di veleni, essi vengono da mietere e sono dei munnatori di nespole, che lo sappiano, o no.[…] 

 

 

 

Advertisements